10 motivi per riciclare i rifiuti informatici

In Francia, la quantità di rifiuti informatici ammonta a 24 kg/anno per abitante. Provenienti da aziende e privati, questi rifiuti sono in costante aumento. Poiché i rifiuti informatici presentano molti svantaggi, è importante scegliere la soluzione ideale per gestirli.

10 motivi per riciclare i rifiuti informatici
10 motivi per riciclare i rifiuti informatici

Ecco 10 motivi per riciclare i rifiuti informatici.

Creazione di posti di lavoro non trasferibili

Il riciclaggio di spreco di computer tiene conto di molte operazioni: raccolta rifiuti, ricondizionamento, recupero, ecc. Di conseguenza, crea molti più posti di lavoro rispetto al semplice conferimento in discarica.

Stop all'inquinamento ambientale

L'ambiente può essere facilmente inquinato dai rifiuti informatici. Contengono infatti metalli pesanti o preziosi come mercurio, rame e piombo. Questi ultimi non essendo di natura degradabile, lo inquineranno nel corso di migliaia di anni.

Ferma il collasso della fauna selvatica

La scomparsa delle specie animali è ora molto più rapida di prima. In effetti, è già da 1000 a 10 volte superiore al ritmo naturale. La causa principale di questo crollo è l'inquinamento chimico. Quest'ultimo tiene conto anche degli sprechi informatici.

Conservazione della buona salute

Lo spreco di computer può anche avere un impatto negativo sulla tua salute. Alcuni dei loro componenti sono dannosi per la salute. È il caso del mercurio che attacca il sistema nervoso. Lo scarico incontrollato invece del riciclaggio può portare a malattie non appena l'inquinamento chimico risale la catena alimentare.

Riduzione dei costi di accesso alle tecnologie

Il costo di accesso alle tecnologie è ridotto a causa dello sviluppo del mercato delle apparecchiature informatiche usate o rinnovate. Pertanto, il riciclaggio dei rifiuti informatici consente di democratizzare l'accesso alla società dell'informazione e della conoscenza.

Risparmio sul budget di pulizia

Riciclare i rifiuti dei computer ti consentirà di risparmiare sui budget per la pulizia. Si tiene quindi conto dei budget legati all'eliminazione dei rifiuti residui e di quelli legati al consumo di carta e materiali di consumo.

Partecipazione all'approccio CSR

Quando un'azienda ricicla i propri rifiuti informatici, ciò le consentirà di migliorare o intraprendere un approccio di CSR (Corporate Social Responsibility). Il riciclaggio dei rifiuti informatici consente quindi di partecipare agli obiettivi della certificazione ambientale.

Sfruttamento ridotto delle risorse naturali

La fabbricazione di uno strumento informatico richiede l'utilizzo di una grande quantità di risorse naturali (petrolio per esempio). Inoltre, il fatto di riutilizzare un intero dispositivo o componenti consente di evitare la fabbricazione di nuovi prodotti. In altre parole, il riciclaggio dei rifiuti informatici consente di ridurre lo sfruttamento delle risorse naturali.

Produzione di materie prime secondarie

Il riciclaggio dei rifiuti informatici è un processo per la produzione di materie prime secondarie. Questo sarà utilizzato per creare nuove attrezzature. Ciò eviterà alcune condizioni sociali e ambientali disastrose di estrazione delle materie prime.

Riciclaggio obbligatorio per legge

I rifiuti informatici appartengono alla categoria dei RAEE (Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche). Ciò include le cartucce d'inchiostro e tutto ciò che riguarda il computer. Dal 2005 il riciclaggio dei RAEE è imposto da una direttiva europea attraverso l'articolo L541-2 del codice ambientale.

5/5 - (1 voto)