10 motivi per pensare che i videogiochi non siano un male per i bambini

Non c'è niente di meglio che divertirsi mentre esercitiamo il nostro corpo.

Giovani e vecchi, uomini e donne, nessuno sfugge alla tentazione di giocare ai videogiochi. La disponibilità e la varietà offerte da questi mezzi virtuali di intrattenimento è il motivo principale per cui non tutti, o quasi, riescono a liberarsene. Oggi questo attaccamento si rafforza sempre di più sia nei più piccoli che nei più grandi. Come spiegare allora questa dipendenza? Quali sono i motivi che spingono queste persone a giocare ai videogiochi? Ma soprattutto, i videogiochi fanno davvero male ai giovani?

controller di gioco
10 motivi per giocare ai videogiochi

Stimola il cervello

Il nostro cervello si comporta come un processore, o meglio è il contrario. In ogni caso, il cervello umano e il processore del computer si occupano principalmente di elaborare tutte le informazioni che vi circolano. I videogiochi sono, in un certo senso, un mezzo efficace per potenziare queste analisi. Questo grazie al rapido scorrimento delle immagini e alla costante comparsa di nuovi elementi che devono essere memorizzati durante il gioco.

Farsi degli amici

Gli appassionati di videogiochi hanno spesso una cattiva reputazione: o sono visti come antisociali o sono visti come solitari. Tuttavia, la recente comparsa dei giochi online e della modalità multiplayer ha permesso loro di fare nuove conoscenze. Possono quindi formare una nuova squadra o un gruppo di supporto a tutti gli effetti.

Migliora le capacità cognitive

Sì, i videogiochi hanno la capacità di migliorare le capacità cognitive delle persone con sclerosi multipla. In particolare i giochi di danza e quelli che ricercano i movimenti dell'anca. Ciò si spiega con la loro capacità di potenziare determinate connessioni del cervello, consentendo così un miglioramento del livello dei movimenti del paziente.

Promuovere lo sport

I bambini spesso tendono ad applicare ciò che vedono e ci sono molti giochi sportivi come tennis, basket, bowling, ecc. Tutti questi giochi fanno venire voglia ai bambini di fare sport.

attenua il dolore

Non c'è niente di meglio di una buona dose di videogiochi per dimenticare o ridurre il dolore. È efficace nel distrarre i bambini da una fitta e nel facilitare il trattamento di alcune malattie o lesioni lievi, agisce come un placebo.

Aumenta la concentrazione

Questi hanno spesso una buona reputazione, soprattutto quando si tratta di precisione. Ma lo sapevi che giocare a un videogioco per ore aumenta la tua capacità di concentrazione? Tuo figlio potrebbe essere un futuro chirurgo, anche se passa ore al computer. In altre parole, i videogiochi non devono essere un male per giovani adolescenti o bambini.

Ridurre alcune dipendenze

Occupare le mani con i joystick è efficace contro tutti i tipi di dipendenze. Come tabacco, alcol, ecc. Allo stesso tempo, alcuni giochi aiutano a frenare tutti i sentimenti di astinenza (droghe, narcotici, ecc.). Quindi i videogiochi possono essere un ottimo modo per smettere di fumare, ad esempio.

Trattare la dislessia

La piena concentrazione è ciò che serve per andare avanti nei giochi in cui gli ambienti cambiano costantemente e dove i dettagli e gli stimoli sono di vasta portata. Ma attenzione e concentrazione sono i due grandi riflessi per lavorare per le persone con dislessia.

Migliora la vista

Sì, stare sempre seduti davanti allo schermo fa male alla salute degli occhi. Ma se la persona lo fa con moderazione, migliorerà la sua acuità visiva e il rilevamento delle caratteristiche, quindi i giocatori normali avranno maggiori possibilità di distinguere le sfumature che i non giocatori non riescono a vedere. Console di nuova generazione sono tutti programmati per danneggiare il meno possibile gli occhi dell'utente.

Aiutarti nella tua carriera

Di recente sono apparsi giochi di strategia e territorio. Queste categorie di giochi richiedono capacità di leadership: competizione, offerta, ecc. Le sfide e le motivazioni che queste categorie di giochi generano accompagnano poi i giocatori nella vita reale. L'ennesima risposta a chi ancora considera i videogiochi un male per i giovani.

3/5 - (2 voti)