10 motivi per interessarsi alla conquista dello spazio

La conquista dello spazio è il sogno di molte persone, ed è abbastanza normale.

L'esplorazione dello spazio comporta grandi investimenti economici, enormi rischi e obiettivi apparentemente irraggiungibili. Allora perché dovremmo impegnarci in esso? Perché può portarci, come individui e come specie, benefici inaspettati. Ecco 10 motivi per incoraggiare l'esplorazione dello spazio

Una bellissima galassia vista dalla Terra

Ci protegge dagli asteroidi

La minaccia degli asteroidi deve essere presa in considerazione: un programma spaziale serio e ben finanziato deve avere la capacità di monitorare i grandi asteroidi che potrebbero potenzialmente distruggere il nostro pianeta. Piccoli asteroidi si stanno disintegrando nell'atmosfera al ritmo di uno ogni due settimane, ma alcuni superano i 100 metri di diametro ea cui dobbiamo fare attenzione. Fortunatamente, abbiamo già strumenti che ci consentono (nella maggior parte dei casi) di prevedere e studiare il transito degli asteroidi.

Protegge la nostra salute

Dal braccio robotico che può operare direttamente utilizzando la risonanza magnetica funzionale (MRI) ai metodi per somministrare farmaci antitumorali mirati direttamente alle cellule malate, la ricerca sulla microgravità ha portato importanti innovazioni nel campo della medicina. Una delle aree più promettenti oggi è la ricerca sull'osteoporosi, una malattia che provoca la perdita di massa ossea, il che significa che le ossa si indeboliscono e hanno maggiori probabilità di rompersi. Questa malattia non colpisce solo gli anziani (soprattutto le donne), ma anche gli astronauti della Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Dopo un mese di esposizione alla microgravità, un astronauta perde circa l'1,5% della propria massa ossea, la stessa percentuale che una persona anziana ha perso nel corso di un anno. Quindi non solo ci sono molte opportunità di provare nuovi farmaci e trattamenti per l'osteoporosi nello spazio, ma è anche molto più facile farlo che sulla Terra.

È all'origine di grandi scoperte

Dalla coperta termica, utilizzata oggi dai maratoneti al termine delle gare, agli aspirapolvere portatili che ora abbiamo nelle nostre case, la ricerca spaziale ha lasciato in eredità alcune innovazioni sorprendenti e divertenti che tutti noi non astronauti usiamo tutti i giorni.

Ispira le nuove generazioni

Puoi chiedere a un bambino: "Vorresti diventare un ingegnere aeronautico e progettare un aeroplano più efficiente del 20% rispetto al modello precedente?" Oppure puoi chiedere a un bambino: "Vorresti diventare un ingegnere aeronautico e progettare un veicolo spaziale che possa andare su Marte?" Indovina quale domanda è più probabile che la spinga a studiare e a sognare di raggiungere grandi cose?

Abbiamo bisogno di nuove materie prime

Si è parlato molto di aziende private, desiderose di estrarre materie prime dagli asteroidi, per trasformare il materiale spaziale in denaro. Ma non devi spingerti fino agli asteroidi per trovare le materie prime di cui abbiamo bisogno sulla Terra. La luna, ad esempio, è ricca di elio-3, un isotopo molto raro sulla Terra che viene utilizzato principalmente per la ricerca sulla fusione nucleare. Sulla luna troviamo anche europio e tantalio, elementi sempre necessari nel campo dell'elettronica e nella costruzione di pannelli solari.

Ci garantisce una maggiore sicurezza globale

Il ruolo politico dei satelliti di sorveglianza nello studio dei movimenti militari dei paesi è ben noto. Assicurandosi un posto in prima linea nella ricerca spaziale, superpotenze militari come Stati Uniti, Russia e Cina possono monitorare i movimenti dei paesi rivali e prevenire, ad esempio, la corsa al possesso di una "fetta" dello spazio e delle risorse che offre ( pensa alla luna, per esempio). Gli Stati Uniti, l'Unione Sovietica e la Cina hanno firmato un accordo internazionale nel 1967, che impedisce qualsiasi pretesa di sovranità su parte dello spazio e vieta il posizionamento di armi nucleari nell'orbita terrestre, sulla luna o su altri corpi celesti.

È un esempio di collaborazione pacifica

Molte collaborazioni positive tra nazioni scaturiscono dall'esplorazione spaziale, dalla suddivisione dei costi alla condivisione delle risorse tecnologiche che tengono al sicuro gli astronauti (si pensi alle navette russe che portavano nello spazio anche gli americani). Certamente, gli eventi politici internazionali possono avere un impatto sui piani a lungo termine delle singole agenzie spaziali, ma, finora, non sono riusciti a minare l'amicizia e lo spirito di gruppo a bordo della ISS.

Potrebbe rispondere a questa eterna domanda... siamo soli nell'universo?

Finora, il telescopio spaziale Kepler ha svelato una lunga lista di altre "Terre" oltre il nostro sistema solare, situate in fasce abitabili attorno alle rispettive stelle. Sono tutti potenzialmente ospitali per la vita. Nel 2018, il James Webb Space Telescope ha scoperto un nuovo pianeta che potrebbe diventare un gemello terrestre in grado di ospitare forme di vita aliene.

Risponde a un desiderio secolare

Ci sono infatti ragioni pratiche ed economiche per esplorare lo spazio, come abbiamo sottolineato sopra. Ma ci sono anche altre ragioni, meno apertamente razionali. C'è innanzitutto un motivo dietro la volontà delle persone di rischiare la vita esplorando lo spazio: è la sete di esplorazione che caratterizza l'umanità da tempo immemorabile. Senza questa sete, i nostri antenati non avrebbero mai lasciato l'Africa, figuriamoci mettere piede sulla luna. E non saremmo mai saliti su una cometa, come ha fatto la missione Rosetta l'anno scorso, per ricercare le origini della vita.

Dobbiamo colonizzare lo spazio

Ci sono stati abbastanza danni su questo pianeta. Molto presto, se vogliamo che la razza umana sopravviva, dovremo colonizzare un altro pianeta. Secondo un rapporto del Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente del 2012, la Terra può sostenere una popolazione di al massimo da otto a sedici miliardi di persone. Dato che abbiamo già superato i sette miliardi, potremmo presto dover considerare nuovi mondi su cui stabilirci. Questa è una ricerca che è già iniziata.

5/5 - (3 voti)